6 FALSI MITI SULLA PROTEZIONE SOLARE

È vero che lo scrub toglie l’abbronzatura? È corretto fare le lampade solari per preparare la pelle al sole? L'SPF blocca la produzione di vitamina D? Sfatiamo insieme 6 falsi miti sulla protezione solare!

I falsi miti sulla protezione solare sono tanti e generano confusione.

Inoltre, possono essere anche alla base di errori che potrebbero comportare danni alla nostra pelle.

Se non si usa correttamente la protezione solare si è soggetti a: rughe, macchie e nel peggiore dei casi cancro alla pelle.

 

 

 

1° FALSO MITO

SPF 30 protegge il doppio di SPF 15

No! Un fattore di protezione solare 15 filtra circa il 93% dei raggi UVB mentre un fattore di protezione solare 30 filtra il 97%. E l'SPF 50? Filtra il 98% dei raggi UVB.

2° FALSO MITO

I solari con un alto fattore di protezione impediscono di abbronzarsi

No, anche utilizzando un solare con SPF alto è possibile abbronzarsi. Nessuna protezione solare blocca al 100% i raggi solari, nemmeno quelli con SPF 100, al massimo possono bloccare fino al 99%. Quindi una piccola quota di raggi UV arriverà comunque alla nostra pelle.

3° FALSO MITO

È corretto fare le lampade solari per preparare la pelle al sole

Abbronzarsi in questo modo non protegge affatto. La verità è che i lettini solari sono nemici della nostra pelle in quanto emettono radiazioni a pochi centimetri ed emettono principalmente raggi UVA che raggiungono più in profondità la pelle causando un danno cellulare maggiore rispetto ai raggi UVB.

4° FALSO MITO

La protezione solare blocca la produzione di Vitamina D

Studi scientifici dimostrano che l’utilizzo di solari non impatta sulla produzione di vitamina D. Se si ha carenza di Vitamina D è bene consultare il proprio medico.

5° FALSO MITO

Lo scrub toglie l’abbronzatura

Lo scrub non toglie l’abbronzatura, anzi libera la pelle dalle cellule morte e permette all’epidermide di abbronzarsi meglio. 

6° FALSO MITO

Se resto all’ombra, la protezione solare non è necessaria.

La verità è che l’ombra non blocca totalmente tutti i raggi del sole. I raggi solari penetrano anche all’ombra: è una condizione in cui ne sono presenti circa il 50%. Persino quando il cielo è coperto, circa il 90% dei raggi ultravioletti riesce a penetrare attraverso le nuvole. Ecco perché le creme solari vanno sempre applicate indipendentemente dalle condizioni atmosferiche.

Dott.ssa Maria Pia Priore

#skinfirstcosmetics

community